Dalle madri alla Madre

8 – 12 NOVEMBRE 2010

Di Marina Fornasaro - Parrocchia di Madonna Incoronata Padova

Sono convinta che nella vita nulla capiti mai per caso e soprattutto che, quando senti che stai per scoppiare, Qualcuno ti prenda per mano e ti porti a respirare una boccata d'aria pulita.

Un paio di mesi fa stavo attraversando un periodo frenetico e di forte stress: famiglia, lavoro, attività parrocchiali (sono catechista). Le 24 ore della giornata mi sembravano davvero troppo poche per far fronte a tutti questi impegni e cominciavo a sentire il peso del quotidiano.

Per puro caso un giorno mi arriva tra le mani il pieghevole degli incontri di villa immacolata.

Scorro i vari temi trattati e subito i miei occhi cadono sugli esercizi spirituali che hanno per titolo "Dalle madri alla Madre". Sono un'istintiva, non ci penso due volte, alzo il telefono e mi iscrivo.

Ricordo che dopo averlo fatto, mi sono chiesta se fossi stata troppo precipitosa, 5 giorni "fuori dal mondo", in fin dei conti non sono pochi.

Ora quei cinque giorni sono passati ed io sono tornata a casa. Che dire? Che sono volati?

Sì, è vero, sono volati ma si sono anche portati via le mie inquietudini, la mia stanchezza, la mia paura di non farcela, per lasciar spazio ad una sensazione di pace e di fiducia, che ti riconcilia con l'universo intero.

La preghiera della liturgia delle ore – guidata dalla dolce voce di suor Paola – e la messa quotidiana, sono stati appuntamenti che scandivano la giornata e che attendevo con impazienza, perché ci vedevano tutti insieme nella cappella a lodare il Signore per quell'esperienza di pulizia interiore che stavamo facendo.

Le catechesi (che termine altisonante per definire "il raccontare la Parola"!) tenute da una donna sulla vita di altre donne, al di là dell'indubbia competenza della predicatrice, avevano quell'impeto, quella passione, quell'entusiasmo, che solo una donna riesce a mettere quando quel che dice le esce dal cuore, perché ci crede profondamente.

Sono parole che mi sono entrate dentro, che hanno messo pace nel mio cuore, che mi hanno fatto guardare verso l'Alto, ridimensionando i miei problemi che poi, a ben pensarci, non sono tanto doversi da quelli delle donne della Scrittura.

Insomma, è stata un'esperienza disintossicante, che mi ha vista tornare alla vita di sempre con un nuovo vigore e con la voglia di raccontare questa mia pazzia, perché altri possano ricevere quello che io ho ricevuto.